<<< torna alle Grandi Domande

Cosa si studia al Sant’Anna?

Cosa sono i Corsi Ordinari?

Ai Corsi Ordinari si accede dopo il superamento di un concorso di ammissione. Gli allievi e le allieve dei Corsi Ordinari sono iscritti ai Corsi di Laurea dell’Università di Pisa a cui affiancano – presso la Scuola Superiore Sant’Anna – un percorso di formazione parallelo e complementare impostato su criteri di merito e profitto individuale, con corsi interni,  corsi di lingue straniere, partecipazione ad attività di ricerca, esperienze di studio all’estero, tirocini sia in Italia che all’estero presso aziende, istituzioni o centri di ricerca. Gli allievi dei Corsi Ordinari risiedono all’interno del campus: a loro la Scuola offre gratuitamente l’alloggio in apposite strutture, il servizio mensa, l’uso di moderni laboratori scientifici e della biblioteca, l’utilizzo di attrezzature sportive e di appositi spazi per le attività culturali e ricreative.

Gli allievi e le allieve dei Corsi Ordinari:

  • frequentano le lezioni e sostengono gli esami del Corso di Laurea dell’Università di Pisa a cui sono iscritti;
  • seguono un percorso formativo integrativo presso la Scuola Superiore Sant’Anna che completa e arricchisce il corso di studi universitari (corsi interni, corsi di lingua, partecipazione alle attività di ricerca dei laboratori della Scuola, esperienze di studio e formazione all’estero, stage in aziende ed enti convenzionati);
  • assicurano i livelli di merito e profitto individuali secondo gli obblighi didattici stabiliti dal Regolamento didattico di Ateneo (media 27/30 e no fuori corso).

Ogni allievo è seguito da un tutor che lo affianca e lo indirizza durante tutto il percorso di studi. Ogni allievo è tenuto ad aggiornare il proprio tutor sull’avanzamento degli studi sia per quanto riguarda i Corsi Interni della Scuola sia sull’andamento degli studi del Corso di Laurea presso l’Università di Pisa.

Il Piano di Studi di un allievo contiene gli esami del Corso di Laurea seguito all’Università di Pisa e i Corsi Interni della Scuola Superiore Sant’Anna.  Ciascun allievo dispone di un Libretto personale dove ogni anno riporta il Piano di Studi e registra periodicamente gli esami e le verifiche svolte.

C’è una media da mantenere o altri requisiti?

Il Regolamento didattico dei Corsi Ordinari indica i criteri ed i requisiti per assicurare le caratteristiche di eccellenza del percorso di studio e di formazione degli allievi.

ESAMI UNIVERSITARI

Ogni allievo è tenuto a sostenere e superare gli esami del Corso di Laurea a cui è iscritto rispettando i seguenti termini:

  • Media complessiva ≥ 27/30 per ogni a.a.
  • Corsi I semestre – esame entro il 31 dicembre dell’anno accademico successivo
  • Corsi II semestre – esame entro il 31 maggio dell’anno accademico successivo
  • Conseguire la Laurea/Laurea Magistrale entro il 31 maggio dell’anno successivo alla conclusione del Corso di Laurea

Gli allievi del I anno devono conseguire almeno 18 CFU entro il 31 luglio dell’anno accademico di ingresso

 

PERCORSO SANT’ANNA

Ogni anno di corso un allievo è tenuto a frequentare almeno 70 ore di didattica integrativa di cui 50 ore relative a corsi dell’area scientifica di appartenenza e 20 ore relative a corsi fuori dalla propria area o di altri Settori della Scuola. Gli esami dei corsi interni devono essere sostenuti entro il 31 maggio dell’anno accademico successivo.

L’allievo deve inoltre conseguire come minimo 6 CFU corrispondenti ad almeno un corso di lingua e sostenere il relativo esame entro il 31 maggio dell’anno accademico successivo. Nell’arco del percorso di studi alla Scuola ogni allievo deve acquisire la conoscenza di almeno due lingue straniere: la prima a livello avanzato e la seconda a livello intermedio.

Entro il mese di maggio ogni allievo deve superare una prova di verifica intermedia valutata da una commissione composta da tutti i docenti dell’area disciplinare e i tutor degli allievi. La prova consiste in una valutazione del curriculum di studio complessivo (andamento degli esami del Corso di Laurea e dei corsi interni) e, per alcune aree disciplinari, anche nella presentazione di un lavoro personale (tesina).

Entro un anno dalla conclusione dei Corsi Ordinari, dopo aver conseguito la Laurea o la Laurea Magistrale ed aver completato il percorso di formazione integrativo nel rispetto degli obblighi didattici, ogni allievo deve sostenere l’esame per il conseguimento del Diploma di Licenza  o Licenza Magistrale.

Per maggiori dettagli si rinvia al Regolamento delle attività formative – Libro I “Corsi integrativi di I e di II livello” (pagg. 1 – 11) che trovate allegato nel box a destra.

File collegati

Dove seguono i corsi gli allievi e le allieve?

Gli allievi e le allieve dei Corsi Ordinari:

  • Risiedono a Pisa in una delle tra strutture collegiali della Scuola Superiore Sant’Anna e si ritrovano ogni giorno a mensa;
  • Frequentano i corsi presso la corrispondente facoltà dell’Università di Pisa o università convenzionate per il secondo livello (Università di Firenze e Trento);
  • Frequentano i corsi dell’attività didattica interna (corsi di lingua, corsi integrativi, attività seminariali…) presso le sedi del Sant’Anna;
  • Utilizzano la Biblioteca situata nella sede centrale della Scuola che dispone di un ricco catalogo di libri e riviste di settore, un sistema avanzato di ricerca online oltre a numerose postazioni studio;
  • Completano ulteriormente il percorso universitario alla Scuola con periodi di studio all’estero e stage presso aziende e enti convenzionati.

Cosa vuol dire studiare ECONOMIA al Sant’Anna?

Chi studia Economia al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e un Corso di Laurea/Laurea Magistrale dell’Università di Pisa (e di altre università convenzionate per le Lauree Magistrali) da scegliere tra:

Corsi di Laurea: Banca, finanza e mercati finanziari (Classe L-18); Economia aziendale (Classe L-18); Economia e commercio (Classe L-33); Management for business and economics (Classe L-18).

Corsi di Laurea Magistrale: Banca, Finanza aziendale e mercati finanziari (classe LM-77); Strategia, Management e Controllo (LM-77); Marketing e ricerche di mercato (LM-77); Consulenza professionale alle aziende (LM-77); Economics (classe LM-56); Data Science & Business Informatics (LM-18) presso l’Università di Pisa e Innovation Management (LM-77) – titolo congiunto tra la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università di Trento.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Scienze Economiche.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: Studiare economia alla Scuola Superiore Sant’Anna rappresenta un’occasione unica per quegli studenti, interessati al settore, desiderosi di mettersi continuamente alla prova e ricercare nuovi stimoli: proviamo ad elencare alcuni motivi per cui questo è vero.
Il settore di Economia al Sant’Anna è unico, ma al suo interno sono presenti due diversi istituti che svolgono attività di ricerca e consulenza ai più alti livelli: l’Istituto di Economia e l’Istituto di Management, quest’ultimo articolato in tre diversi campi di ricerca, ovvero Management dell’Innovazione, Management della Sanità e Management della Sostenibilità. Questo garantisce che il singolo allievo del Sant’Anna possa integrare o ampliare l’offerta formativa dell’Università di Pisa secondo le direttive che più lo interessano; l’offerta didattica interna ammonta ogni anno a più di venti corsi, in grado sia di approfondire singoli argomenti sia di toccarne alcuni completamente nuovi.
Al termine di primo, secondo e quarto anno gli allievi hanno l’obbligo di scrivere ed esporre un breve progetto, nella stesura del quale vengono seguiti da un docente a loro scelta: questo non solo permette di arrivare preparati al momento della tesi conclusiva il proprio ciclo di studi universitario, ma soprattutto arricchisce il patrimonio di conoscenze e abilità del singolo studente in una direzione unica, rigorosamente a seconda dei suoi interessi.
La grande collaborazione e flessibilità che caratterizza il rapporto con i professori di Economia, fa si che sia possibile tener fede ai numerosi impegni che un ambiente così stimolante ti porta ad assumere. Questo è a maggior ragione vero se si osserva l’introduzione del research assistant: gli allievi hanno la possibilità di seguire i docenti nella propria attività di ricerca, in modo da capire veramente in cosa questa consista e facendo propri nuovi strumenti.
Infine, sfruttando le numerose convenzioni internazionali presso altre università (come la École Normale Supérieure di Parigi), istituzioni nazionali (come il Ministero dell’Economia e delle Finanze) ed imprese, si può ulteriormente arricchire la propria esperienza universitaria, arrivando alla fine del quinquennio con una bagaglio di competenze ed esperienze assolutamente unico da offrire sul mondo del lavoro.

File collegati

Cosa vuol dire studiare GIURISPRUDENZA al Sant’Anna?

Chi studia Giurisprudenza al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (Classe LMG-01) dell’Università di Pisa.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Scienze Giuridiche.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: Il Settore di Scienze Giuridiche comprende gli allievi iscritti al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza presso l’Università di Pisa. Oltre alla formazione accademica dell’Ateneo pisano, la Scuola offre corsi integrativi, soprattutto nei settori del diritto civile, pubblico e penale. Queste attività aggiuntive possono consistere in lezioni e seminari, con il coinvolgimento attivo degli allievi nella stesura di presentazioni, paper e approfondimenti. In aggiunta a questa offerta didattica specifica, l’allievo del settore di Scienze Giuridiche ha la possibilità di frequentare corsi interdisciplinari, che derivano principalmente dalla collaborazione con i settori di Economia e Scienze Politiche, ma che incontrano anche le Scienze Sperimentali nello studio della regolazione della medicina, dell’alimentazione e delle nuove tecnologie. Ogni anno, inoltre, è richiesta allo studente la redazione di una breve tesi, che permette un primo contatto con l’ambito della ricerca.

Il Settore di Scienze Giuridiche può contare su varie convenzioni, che consentono agli allievi di avere esperienze di portata internazionale. Oltre alle collaborazioni ormai consolidate con l’École Normale Supérieure di Parigi e con numerose istituzioni italiane (Corte costituzionale, Camera dei deputati, Ministero dell’Economia e delle Finanze…), si possono ricordare anche i contatti con diversi studi legali nazionali e internazionali, le convenzioni con le ambasciate di Washington, Tbilisi e Mosca, il consolato a Chongqing e con le rappresentanze di varie organizzazioni internazionali a Ginevra. La Scuola ha inoltre relazioni con numerosi enti accademici in Italia e all’estero e specifiche convenzioni Erasmus per facilitare la mobilità internazionale degli allievi.

La Scuola Superiore Sant’Anna può quindi dare un contributo fondamentale per arricchire il curriculum dello studente di Giurisprudenza con esperienze mirate, nei diversi ambiti di interesse e nei diversi profili professionali.

File collegati

Cosa vuol dire studiare SCIENZE POLITICHE al Sant’Anna?

Chi studia Scienze Politiche al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e un Corso di Laurea/Laurea Magistrale dell’Università di Pisa (e di altre università convenzionate per le Lauree Magistrali) da scegliere tra:

Corsi di Laurea: Scienze Politiche (Classe L-36)

Corsi di Laurea Magistrale: Studi internazionali (classe LM-52); Scienza dell’Amministrazione (classe LM-63) presso l’Università di Pisa; European and International studies (classe LM-52) titolo congiunto tra la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università di Trento; Relazioni internazionali e Studi europei (classe LM-52/LM-90); Politiche istituzioni e mercato (classe LM-60) e Sociologia e ricerca sociale (classe LM-88) titolo congiunto tra la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università di Firenze.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Scienze Politiche.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: La Scuola Superiore Sant’Anna offre un approccio unico in Italia per lo studio delle Scienze Politiche. La didattica si fonda sul principio dell’interdisciplinarietà, sviluppandosi sia nell’ambito del diritto internazionale, sia in quello della filosofia politica e della scienza politica pura, cosicché ogni allievo possa sviluppare il percorso formativo più aderente ai propri interessi.
L’offerta didattica di Scienze Politiche non si limita, infatti, a ripercorrere le discipline presenti all’Università di Pisa, ma fornisce agli allievi un bagaglio di conoscenze di notevole valore per un futuro orizzonte lavorativo, specialmente per quanto concerne il concorso diplomatico, che ha visto diversi allievi tra i vincitori negli anni passati.
Omogeneamente a quanto previsto dal Regolamento didattico, al termine di primo, secondo e quarto anno gli allievi hanno l’obbligo di scrivere e presentare un lavoro di ricerca che viene sviluppato assieme ad un docente a scelta dell’allievo. Durante i cinque anni di permanenza alla Scuola gli allievi vengono inoltre incentivati a produrre working paper, presentazioni orali e contributi tali da poter costituire una solida base per eventuali pubblicazioni.
Dal punto di vista accademico gli allievi del Settore di Scienze politiche, dopo un triennio presso l’Università di Pisa, possono scegliere, per quanto concerne il percorso di laurea magistrale, di seguire i corsi di laurea sia della stessa Università sia in altre strutture convenzionate, tra cui le Università di Firenze e di Trento.
Inoltre, gli allievi possono usufruire di apposite convenzioni per stage e periodi di studio fuori sede, sia in Italia che all’estero. Alcune di queste coinvolgono istituzioni quali la Camera dei Deputati e la Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’École Normale Supérieure di Parigi, enti di ricerca come l’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP) e autorità e agenzie amministrative, tra cui l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) e l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), con i suoi uffici esteri dislocati in più di 20 Paesi.

File collegati

Cosa vuol dire studiare INGEGNERIA al Sant’Anna?

Chi studia Ingegneria al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e un Corso di Laurea/Laurea Magistrale dell’Università di Pisa da scegliere tra:

Corsi di Laurea: Ingegneria Biomedica (classe L-8); Ingegneria Elettronica (classe L-8); Ingegneria Informatica (classe L-8); Ingegneria delle Telecomunicazioni (classe L-8); Ingegneria Meccanica (classe L-9); Ingegneria dell’Energia (classe L-9); Ingegneria Aerospaziale (classe L-9).

Corsi di Laurea Magistrale: Artificial Intelligence and Data Engineering (Classe LM-32); Computer engineering (Classe LM-32); Ingegneria aerospaziale (Classe LM-20); Ingegneria biomedica (Classe LM-21); Ingegneria delle telecomunicazioni (Classe LM-27); Ingegneria elettronica (Classe LM-29); Ingegneria energetica (Classe LM-30); Ingegneria meccanica (Classe LM-33); Ingegneria nucleare (Classe LM-30); Ingegneria robotica e dell’automazione (Classe LM-25); Materials and Nanotechnology (Classe LM-53); Ingegneria dei veicoli (Classe LM-33) presso l’Università di Pisa e Informatica e networking, Embedded computing systems, Bionics engineering – iniziative congiunte tra la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università di Pisa.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Ingegneria.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: Il Settore di Ingegneria della Scuola Superiore Sant’Anna riunisce allievi iscritti a numerosi corsi di laurea, sia triennale che magistrale, tra cui Ingegneria Meccanica, Aerospaziale, Elettronica, Informatica, Robotica, dei Veicoli, Nucleare e Biomedica (si può consultare l’elenco completo dei corsi ammessi nel bando di concorso). La formazione offerta dalla Scuola va ad integrare quella dell’Università di Pisa. I primi anni vengono sostenuti corsi di Complementi di Analisi e di Fisica e, per favorire un approccio precoce alla ricerca, vengono promossi stage presso i laboratori della Scuola stessa. Negli anni successivi ogni studente ha la possibilità di approfondire temi altamente specifici dell’Ingegneria grazie alle numerose aree di interesse della Scuola. Alla didattica frontale si affianca la possibilità per gli allievi di svolgere lavori progettuali, seguire seminari e workshop presso i laboratori della Scuola.

File collegati

Cosa vuol dire studiare MEDICINA al Sant’Anna?

Chi studia Medicina e Chirurgia al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (LM-41) dell’Università di Pisa.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Scienze Mediche.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: La Scuola Superiore Sant’Anna è senz’altro una delle realtà più di spicco in Italia per lo studio della medicina. Qui siamo costantemente incoraggiati e stimolati a fare sempre di più e meglio nell’ambito della ricerca di base e clinica. In particolare fin da subito ci avviciniamo a realtà laboratoriali e ospedaliere in Italia e all’estero sia mediante contatti con le singole università che attraverso convenzioni formali. Questa vicinanza al mondo del lavoro e della ricerca è tale da aver permesso ad alcuni allievi di pubblicare in riviste scientifiche di ottimo livello ben prima della laurea.

File collegati

Cosa vuol dire studiare SCIENZE AGRARIE e BIOTECNOLOGIE VEGETALI al Sant’Anna?

Chi studia Scienze Agrarie e Biotecnologie Vegetali al Sant’Anna segue un doppio percorso formativo in parallelo: i Corsi Ordinari della Scuola Superiore Sant’Anna e un Corso di Laurea/Laurea Magistrale dell’Università di Pisa da scegliere tra:

Corsi di Laurea: Scienze agrarie (Classe L-25); Viticoltura ed Enologia (Classe L-26); Scienze naturali e Ambientali – Curriculum Ambiente (Classe L-32); Biotecnologie (Classe L-2).

Corsi di Laurea Magistrale: Biosicurezza e qualità degli alimenti (Classe LM-7, LM-70); Biotecnologie vegetali e microbiche (Classe LM-7); Produzioni agroalimentari e gestione degli agroecosistemi (Classe LM-69); Progettazione e gestione del verde urbano e del paesaggio (Classe LM-69) e Scienze ambientali (Classe LM-75) presso l’Università di Pisa.

La programmazione didattica dei corsi interni è ispirata a principi di marcata interdisciplinarietà. Corsi e seminari hanno spesso carattere monografico e possono prevedere la partecipazione di docenti esterni, scelti tra gli studiosi del tema provenienti delle più prestigiose realtà italiane e straniere.

Nell’allegato in basso trovi la programmazione didattica a.a. 2019 – 2020 per il Settore di Scienze Agrarie e Biotecnologie Vegetali.

Cosa dicono i nostri allievi e le nostre allieve: Il settore di Scienze agrarie e Biotecnologie vegetali mette insieme tradizione ed innovazione in ambito verde. Gli allievi di questo settore frequentano i dipartimenti di Scienze agrarie e Biologia dove possono seguire i seguenti corsi di laurea:
– Corsi di Laurea Triennale: Scienze agrarie, Viticoltura ed Enologia, Scienze naturali ed Ambientali – curriculum Ambiente, Biotecnologie.
– Corsi di Laurea Magistrale: Biotecnologie vegetali e microbiche, Biosicurezza e qualità degli alimenti, Produzioni agroalimentari e gestione degli agroecosistemi, Progettazione e gestione del verde urbano e del paesaggio, Biotecnologie molecolari.

La Scuola offre una vasta gamma di corsi per approfondire tematiche affrontate in Università o nuove, la possibilità di frequentare i laboratori della scuola appartenenti all’istituto di Scienze della Vita, per affiancare la pratica alla teoria, oltre a numerosi corsi intersettoriali per esplorare anche gli aspetti economici, legali e tecnologici che stanno dietro all’attività scientifica.

File collegati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi